Video - Buffon abbatte la Var: danneggia il calcio, così è pallanuoto - LoStadium.it

Video – Buffon abbatte la Var: danneggia il calcio, così è pallanuoto




Buffon al termine di Genoa Juve ha espresso il suo giudizio critico sulla Var. Ha subito precisato che una squadra come la Juve ne uscirà avvantaggiata perchè ha un gioco offensiivo e se loo scorso anno ha preso solo tre rigori a favore così arriverà a 30. Ma a perderci sarà lo spettacolo, sia perchè si ferma continuamente la partita sia perchè gli attaccanti stanno capendo che ormai basta il contatto e l’arbitro abbocca. Non si valuta più se è davvero lesivo, se c’è una forza tale da abbattere il giocatore. La Var ferma l’immagine e se si toccano danno il rigore.

Ecco le parole di Buffon:

” Quando riusciranno ad adoperarlo con parsimonia e a calibrarne l’uso, secondo me sarà un ottimo ausilio. In questo momento, sicuramente ci sta che faccia fare meno errori, anche se poi non è così in fondo in fondo. Ma si perdono due cose. La valutazione dell’arbitro e la sensibilità che ha un arbitro nel gestire la gara perché chiaramente ogni contatto in area non significa che sia rigore, come potrebbe essere dalle fredde immagini. Secondo me, la bravura dell’arbitro sta proprio nel valutare quel contatto. Capire se è un contatto veramente lesivo o meno. In questo momento, secondo me, per ogni protesta o ogni cosa, loro si avvalgono di questo aiuto. Che va benissimo per noi della Juve, perché noi siamo una squadra d’attacco che sta spesso nell’area avversaria. “

Quindi mi do anche la zappa sui piedi dicendo questo. Però, se l’anno scorso abbiamo avuto tre rigore a favore vuol dire che quest’anno arriveremo a 55. Ci saranno 52 rigori in più a nostro favore. Ce ne saranno anche 15 in più contro, ma il divario sarà a nostro vantaggio. E sinceramente non mi interessa perché vedere una partita di calcio, vedere anche la bravura di un arbitro, di un portiere e di un difensore, nella gestione di una partita è molto importante e molto umana. Non vorrei che andassimo nel mondo dei disumani perché si perde tutto.”

Un richiamo, dunque, a una maggior responsabilità degli arbitri che devono esser in grado di giudicare gli episodi che vedono in tempo reale, nella dinamica di gioco. Guardare un fermo immagine senza considerare che il Calcio è un gioco di contatto fisico non può che snaturare la realtà.