98 minuti di applausi per Capello: "Una comica lo Scudetto a tavolino all'Inter!"

98 minuti di applausi per Capello: “Una comica lo Scudetto a tavolino all’Inter!”

Capello
Capello



Tra due giorni andrà di scena la Supercoppa italiana, trofeo che fa sempre piacere avere in bacheca e che quest’anno vedrà sfidarsi la Juventus contro il Milan. Sull’argomento è stato intervistato un noto volto del panorama bianconero e rossonero, ossia Fabio Capello che ha parlato di bene del calcio italiano poter giocare tale competizione all’estero, è una vetrina importante per lo sport italiano in generale.

Ovviamente gli è stato chiesto anche di Higuain e Capello è consapevole di come il rigore sbagliato contro la Juventus in campionato lo abbia turbato fortemente, gravando enormemente sulle successive prestazioni con il Milan. Mister Capello spera che Higuain possa ritornare ad essere quello di un tempo, ma sicuramente ritrovarsi nuovamente contro la Juventus non sarà facile per il Pipita.

L’intervista rilasciata a Radio Rai Uno ha poi virato inevitabilmente anche su Calciopoli, una ferita aperta per mister Capello che conquistò sul campo lo scudetto del 2006 e che invece fu poi assegnato all’Inter. Secondo l’ex allenatore italiano la Juventus ha fatto più che bene a fare ricorso, insomma è una situazione comica che all’Inter sia stato assegnato uno scudetto dopo essere arrivata terza in quel campionato e a circa una ventina di punti di distanza da quella Juventus. Il problema, secondo Capello, è che Guido Rossi decise il tutto in maniera troppo frettolosa, semplicemente perché all’Italia serviva una squadra per andare a disputare la Champions League.

Per Capello si è trattata solo di una grande ingiustizia, soprattutto perché non sono stati rispettati i tempi e le regole e la giustizia sportiva non riuscì poi ad indagare nel modo corretto. Come dare torto alle parole di Capello, si spera insomma che questa volta la verità venga effettivamente a galla, ma principalmente che venga tolto uno scudetto ridicolo dato all’Inter, che si ritrova con un numero in più in bacheca che in realtà non le compete.