Alvino antisportivo zittito da un collega napoletano: "I complimenti alla Juve vanno fatti!"

Alvino antisportivo zittito da un collega napoletano: “I complimenti alla Juve vanno fatti!”




Si torna a parlare del grande Alvino in queste ore, come potrete facilmente notare dal video che vogliamo condividere con voi oggi. Tutto nasce dalla grande impresa della Juventus in Champions League contro l’Atletico Madrid, grazie alla quale Cristiano Ronaldo e compagni hanno ottenuto il pass per i quarti di finale della principale coppa europea. Nemmeno dopo una partita del genere Alvino riesce ad essere sportivo, mentre in tanti hanno deciso di mettere da parte la rivalità facendo i complimenti ai bianconeri. Vedere per credere Walter De Maggio, altro giornalista napoletano, in questo caso esempio di sportività e in grado di zittire il collega. Ecco il video in questione.

4 MARZO – Si resta veramente allibiti a sentire il pensiero di Alvino sulla palla che il napoli non ha restitutito alla Juve. per chi non lo sapesse dopo l’entrata killer di Koulibaly, Dybala era rimasto a terra e così Chiellini aveva gettato il pallone fuori ma il Napoli non si era fermato prima e non ha pensato di restituire dopo come da fair play. Gesto assolutamente antisportivo ma ancor più antisportive sono le parole di alvino che ha detto che il napoli ha fatto non bene ma benissimo a non ridare la palla alla Juve che a suo dire è la squadra più antisportiva che c’è.

A parte che vorremmo sapere perchè la Juve sarebbe una squadra antisportiva ma soprattutto restiamo sbigottiti quando un addetto ai lavori si esprime così verso i rivali. poi non chiediamoci come mi le tifoserie sono così agguerrite e vanno spesso oltre i limiti. Di sicuro Alvino continua ad essere un esempio da non seguire, soprattutto per i più giovani.

Ha persino detto che chi indossa questa maglia si trasforma e non capiamo cosa abbia voluto dire facendo l’esempio del comportamento di Marotta che secondo Alvino è cambiato da quando non è più alla Juve. Siamo alla fantascienza. A seguire il video originale.