Altro che plusvalenze gonfiate: Aké ed il suo costo zittiscono tutti oggi

Altro che plusvalenze gonfiate: Aké ed il suo costo zittiscono tutti oggi

Aké
Aké

Nella serata di Coppa Italia la Juventus si è ritrovata con una piacevole sorpresa e che potrà far comodo sicuramente ad Allegri per le partite del futuro. Stiamo parlando di Marley Aké, giovane calciatore della primavera bianconera che ha potuto fare il suo esordio in prima squadra contro la Sampdoria.

Il classe 2001 si è contraddistinto in campo per diversi strappi in velocità che hanno creato non poco panico alla difesa avversaria ed è riuscito poi a conquistarsi anche un rigore. Un giovane assolutamente interessante che Allegri ha mandato nella mischia a partita in corso, d’altronde queste partite di Coppa Italia sono anche viste proprio come un test per i vari giovani presenti in Primavera.

L’allenatore bianconero ha deciso di puntare su Aké, un nome che però abbiamo avuto già modo di sentire e come spiegato su Twitter da Guido Vaciago si tratta di un calciatore coinvolto nell’inchiesta plusvalenze. La Juventus è coinvolta in questo caso ed anche l’operazione Aké rientra tra quelle che destano maggior sospetto. Il calciatore francese è stato valutato 8 milioni di euro nello scambio con Tongya tra Juventus e Marsiglia, ma è importante precisare una cosa a riguardo.

Il più delle volte questi giovani calciatori si ritrovano ad avere valutazioni così importanti perché hanno effettivamente un elevato potenziale, come dimostrato proprio da Aké. Non può essere fatta una valutazione troppo oggettiva quando si parla di giovani calciatori, ma Aké ha avuto modo di dimostrare già qualcosa, seppur abbia ancora tantissima strada da fare.

Ora dipenderà da Allegri se dargli o meno più tempo, ma quanto visto contro la Sampdoria può solo far pensare bene di questo giovane calciatore francese. In circostanze in cui il mercato latita, la Primavera può essere un modo da dove attingere per nuove linfe.