Alcaraz si presenta: "Voglio lasciare la mia impronta nella storia della Juve; era la squadra che prendevo sempre alla Play..." - LoStadium.it

Alcaraz si presenta: “Voglio lasciare la mia impronta nella storia della Juve; era la squadra che prendevo sempre alla Play…”

alcaraz

Nelle sale della conferenza stampa dell’Allianz Stadium, il nuovo astro argentino della Juventus, Carlos Alcaraz, si è presentato con un sorriso radiante e un saluto in italiano, dichiarando di essere entusiasta della sua nuova avventura in bianconero. Il centrocampista, giunto dal Southampton con la formula del prestito oneroso, sembra essere già ben inserito nel gruppo, lasciando una buona impressione nel suo debutto contro l’Inter.

“Gioco bene a centrocampo o da falso 9 – ha dichiarato Alcaraz in conferenza stampa -, qui sto giocando nella parte interna e nella fascia destra: sono a disposizione dell’allenatore.”

Il giovane argentino, indossando la maglia numero 26, ha sottolineato la sua versatilità, affermando di poter giocare sia a centrocampo che come falso 9. Una scelta tattica che sembra essere apprezzata dall’allenatore della Juventus, Massimiliano Allegri.

“Sono qui da una settimana – ha raccontato Alcaraz – e sono molto contento, il gruppo mi ha accolto molto bene. Qui alla Juventus sto facendo più l’interno di destra e mi sento molto bene, da piccolo giocavo sia a destra sia a sinistra ma sono pronto a fare tutto.”

Il giovane argentino si è dichiarato onorato di essere associato a grandi campioni che hanno vestito la maglia bianconera, in particolare Cristiano Ronaldo, che ha definito una fonte d’ispirazione. Ambizioso, Alcaraz ha espresso la sua volontà di lasciare un segno indelebile nella storia del club.

“Sono contento che mi abbiano associato a grandi campioni che sono passati di qui, Cristiano Ronaldo è stata fonte d’ispirazione per me, alla Juventus devo fare bene e voglio che il mio nome venga segnato a fuoco nella storia del club. Questa deve essere la mia missione ogni giorno.”

Rispondendo al confronto con l’ex calciatore della Juventus, Arturo Vidal, Alcaraz ha mostrato rispetto ma ha anche affermato la necessità di concentrarsi su se stesso e sul suo percorso.

Il giovane centrocampista ha evidenziato la sua attitudine vincente e la sua determinazione nel raggiungere grandi risultati con la maglia bianconera. Ha parlato delle aspettative elevate che circondano la Juventus, ma si è dichiarato pronto e ben predisposto a affrontare la sfida.

“La Juve mi è sempre piaciuta perché è un grande club, sono passati da qui tanti argentini. Mi ha sempre attratto per questo adesso che ci sono dentro mi sono rendo conto che le aspettative sono molto alte ma io sono pronto e ben predisposto. E’ una delle cose più belle che mi siano capitate. E poi la prendevo sempre alla PlayStation; se non mi lasciavano scegliere la Juventus mi arrabbiavo molto e non giocavo più”.

In merito al suo debutto contro l’Inter a San Siro, Alcaraz ha sottolineato la pressione e la sfida, dichiarando di non temere la competizione e di non amare la sconfitta, nemmeno negli allenamenti.

“A me piacciono le gare in cui c’è pressione, non ho paura. Non mi piace perdere, neanche in allenamento, voglio i risultati. Questa è la mia attitudine.”

Il centrocampista argentino ha anche parlato della fiducia che ha ricevuto da parte dell’allenatore Allegri e del capitano Danilo, rassicurandolo sulla sua crescita e il suo contributo alla squadra.

“Allegri gli ha parlato e capitan Danilo lo ha rassicurato: “Il mister mi chiede di stare tranquillo e fare quello che so. Sono sereno perché sento la fiducia, cercherò di dimostrare che è ben riposta.”

Infine, Alcaraz ha elogiato la tecnica del compagno di squadra Locatelli, definendola incredibile, e ha mostrato entusiasmo riguardo alla possibilità di migliorare grazie alla collaborazione con il centrocampista italiano.

“Locatelli ha una tecnica incredibile, lavorare con lui in allenamento mi piace molto, credo che migliorerò tanto. Non ho parlato con Lautaro prima di arrivare in Italia, lo abbiamo fatto un po’ dopo la partita.”